Via E. Fermi, 80/1 - Fraz. Feletto Umberto
33010 - Tavagnacco (UD)
Tel. 0432 575179 - Fax 0432 688729
partita iva 02485510305
info@edizionisegno.it

:: Home :::: Chi siamo :::: Dove siamo :::: Contatti :::: Distributori ::

Santo del giorno: 19 Aprile - sant'Ermogene

Ricerca per categoria

Brevi note su alcune eresie
La Chiesa ha per duemila anni lottato e tuttora lotta per arginare le più insidiose ambiguità e per riportare la dottrina a principi di verità e di fede. Questo agile compendio delinea efficacemente una sintesi delle principali eresie.
Il mistero della sofferenza
Perché si nasce se poi si deve morire? Che senso ha la vita se poi l'uomo deve tanto soffrire? Perché Dio permette questo? Perché non interviene e perché non ci ascolta? E' un mistero che solo Dio conosce, ma l'uomo, che vorrebbe avere una spiegazione razionale e logica, spesso si affida a forme di rassegnazione passiva oppure cerca soluzioni che non sono quelle della fede di Dio, della preghiera e della scoperta del valore della sofferenza. Per Dio nulla è inutile e vano, ma tutto concorre alla salvezza e alla santificazione, anche quello che appare negativo. Difatti Gesù dice: "Se il chicco di frumento non muore non porta frutto ma se muore porta molto frutto" (Gv 12,24). Questo libretto presenta esperienze concrete tratte da testimonianze di persone comuni, dimostrando che le esperienze dei mistici sono alla portata di tutti.
Appunti per una storia della mariologia
“I Papi con il loro Magistero, e i santi con il loro esempio e il loro insegnamento, dimostrano che la venerazione per la Madonna è un aspetto irrinunciabile della fede cristiana. ‘Non si può essere cristiani, senza essere mariani’, ha lapidariamente dichiarato Paolo VI” († Enrico dal Covolo, Vescovo di Eraclea e Rettore Magnifico della Pontificia Università Lateranense).
Cristianesimo e vita militare: spiritualità e legislazione
Il saggio cerca di delineare, attraverso fonti diverse, quelle relazioni che viaggiano parallele sui terreni, all’apparenza poco conformi, di vita militare e spirituale.
La trave
È molto difficile parlare e discutere di religione e dei comandamenti in particolare, soprattutto con i cattolici, perché sembra che la legge di Dio sia caduta in disuso. Questo scritto non vuole essere un trattato di teologia sui dieci comandamenti, ma nel pratico, vedere come ciascuno di noi non li osserva più e questo perché, nell’immaginario collettivo, basta non uccidere e non rubare per essere a posto con la coscienza, con gli uomini e con Dio.
Con la firma del Vangelo  Evangelizzare scrivendo
Una Chiesa senza l'urgenza di la passione missionaria tradisce la propria cattolicità e si trasforma in un campo di morti. Il mondo reclama la testimonianza di una fede umile ed innamorata.
Anima Sinfoniale
“La via sicura per raggiungere la beatitudine è la virtù” San Tommaso.
Non c'è dolore simile al mio dolore
Se abbiamo fede in Gesù Crocifisso e Risorto, non siamo mai soli nel dolore e Lui è con noi, ci ama, ci consola e ci è accanto nel momento della morte. Il Sangue di Gesù Crocifisso è un terremoto che fa crollare i nostri egoismi.
Il Cuore di Cristo
L’uomo ha bisogno del Cuore di Cristo per conoscere Dio e per conoscere se stesso; ne ha bisogno per costruire la civiltà dell’amore. Il cristiano che contempla il Cuore di Gesù e si sforza di viverne gli insegnamenti, troverà il coraggio di perdonare, di fare scelte coraggiose e sante e la forza di rendere bene per male, poiché l’amore che ha imparato dal Cuore del suo Maestro lo porterà all’edificazione di una società più giusta e santa.
Per amare nel deserto
In un mondo dove sembra che l’odio e la violenza possano avere il sopravvento ecco cosa deve fare il cristiano! "Entrando nella Cappella Scrovegni si è dentro una strada orientata e in questo tempo di confusione, di «desertificazione» spirituale, un luogo che ricorda un destino verso cui camminare." “È veramente attraente, facile da leggere e nello stesso tempo molto denso e molto stimolante per la meditazione” (Card. Angelo Comastri).
Il vino nuovo
La Sapienza ha invitato i suoi commensali a convito. Venite, tutto è pronto, grida, ho preparato “un banchetto di grasse vivande, un banchetto di vini eccellenti, di cibi succulenti, di vini raffinati... chi non ha denaro venga ugualmente; comprate e mangiate senza denaro e senza spesa vino e latte. Perché volete spendere il vostro denaro per ciò che non sazia?” (Is 25;55). Ma essi non ne furono degni e andarono ognuno per la loro strada. Dio invita tutti al banchetto della comunione con Lui, il biglietto da visita è “un cuore contrito e umiliato”, che è l’abito di nozze per entrare alla sua Festa, perché “il prostrarsi davanti a Lui eleva, il prostrarsi davanti agli idoli (invece) avvilisce e abbassa” (San Giovanni Crisostomo).
Le Chiese Cristiane e la Chiesa Cattolica
Un libro coraggioso, insolito, per non dire nuovo e originale. È che l’autore ama la verità e si lascia guidare dal suo “occhio penetrante” e intelligente. E la semplicità del suo linguaggio è compensata dalla luce di molte intuizioni.
I Grandi Papi
Ben venga questa carrellata di vicari di Cristo. Essa ci ricorderà che apparteniamo a una realtà, la Chiesa, che tutti i tiranni di questo mondo, da Nerone in avanti, hanno provato a cancellare. Sono spariti loro, e di molti di essi nessuno sa nemmeno che sono esistiti. La Chiesa, invece, è sempre qui, tra noi, e c’è sempre un papa che predica, esorta, insegna, benedice. Basterebbe solo questa prova a testimoniare che quanto diceva Cristo è vero (Rino Camilleri).
Il culto a Maria
Lo scritto riafferma l’autenticità del culto a Maria contro chi lo considera un’espressione di religiosità decadente, o una sovrastruttura del cattolicesimo. Grazie al sussidio del magistero ecclesiale e della ricerca mariologica più autorevole, emerge la vacuità di tali obiezioni, riconfermando che Maria è parte essenziale del credo cristiano, perché senza la Madre del Signore la sua impalcatura non reggerebbe.
Il libro della Divina Provvidenza
Dinnanzi all’amore infinito di Dio per noi, come non sentire il nostro piccolo cuore trasformato da quella carità che tutto abbraccia, trasfigura, da quella carità che senza restrizioni e preferenze fa sue tutte le miserie e le debolezze umane, perché in ogni sofferenza vede la continuazione della passione di Cristo? La Divina Provvidenza è l’intervento di Dio nella vita degli uomini, Dio agisce continuamente nella nostra storia, attraverso i fatti di ogni giorno, è Padre e come tale provvede a noi in quello che effettivamente ci è necessario. Tante volte, però, non riusciamo a scorgere i passi di Dio che cammina accanto a noi, non riusciamo a vedere nella storia ordinaria la straordinaria presenza di un Dio che è padre che fa sorgere il sole sui giusti e sui cattivi. Il libro contiene la coroncina e le litanie della Divina Provvidenza.
Per non fallire in amore
Un libro per chi cerca il vero amore umano e spirituale, per innamorati e non, per chi vive la solitudine e cerca disperatamente un amore, un’amicizia. Attingendo alle verità evangeliche di Gesù, l’autore (che incontra tante coppie) offre “perle” per abbellire la propria vita aperta alla Vita, offre “ali” per volare nei cieli dell’Amore.
Il mio amore per voi
Seguendo il desiderio di conoscere meglio e più in profondità la parola di Dio, l’autore si è immerso nelle profondità della Sacra Scrittura, chiedendo a Dio la sapienza per poter capire la sua parola. Il Signore gli ha fatto questo dono, che ora con questo libro condivide con tutti, come chi abbia ricevuto dei talenti da far fruttificare. Le meditazioni contenute in questo volume non sono rivelazioni ma ispirazioni spirituali, che ognuno può cogliere mettendo a frutto la propria sensibilità per amore della verità.
Sono permaloso. Mi aiuti?
La permalosità distrugge la dignità divina dell’uomo. Confidando in Gesù si supera “l’occhio per occhio, dente per dente”.
Maria... con gli occhi di un figlio
Pilastro della pietà popolare, la devozione mariana esige oggi una ripresa. Da sempre i cristiani hanno lodato e pregato Maria come Madre di Dio e l’hanno invocata tanto nella Liturgia quanto nella devozione privata, ben sapendo che quando si onora Maria si ama e si glorifica il Figlio. La storia di Maria e il suo mistero ci aiutano a confrontarci con il nostro tempo, che ha difficoltà di futuro e di speranza. La spiritualità mariana non è una religione autonoma, tanto meno una strada a sé, essa invece, è un aspetto del cammino spirituale della Chiesa verso la Santa Trinità. La storia della salvezza è una realtà riassunta nella dinamica personale di Gesù e la comprensione di Maria non potrà mai prescindere dalla figura di Gesù: Maria non ha valore autonomo, ma è totalmente relativa a Gesù. La gloria di Maria riflette quindi, totalmente, quella del suo figlio. Obiettivo di questo povero lavoro che molti amino Maria e la imitino, la sentano come Madre, sorella e compagna di strada, guida sicura nei pochi attimi di pellegrinaggio terreno, faro di speranza nei momenti di sofferenza e paura.
Un’esistenza trasformata in dono Vita di Maria di Nazareth
La Vergine Maria è una delle figure più emblematiche della storia della salvezza. Tuttavia la sua vita rimane in maggior parte un mistero perché fu occultata con umiltà in quella più grande del Figlio. La volontà di ricostruire nei dettagli tutte le tappe dell’esistenza della Madre di Dio, riallacciando le fila di fonti antiche, apocrife, teologiche, rivelate ed evangeliche, alla luce della dottrina cattolica e dei suoi dogmi di fede, è il fil rouge che unisce queste pagine alla scoperta di una vita, quella di Maria di Nazareth, che nel suo nascondimento ha saputo davvero come trasformarsi in dono.
Perché amo il Papa
Il Papa, come successore di Pietro, ha qualcosa in più rispetto a noi fedeli, la promessa fatta da Gesù al Capo della sua Chiesa. Malgrado conoscesse la sua fragilità umana, Gesù disse a Pietro: “A te darò le chiavi del regno dei cieli, e tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli” (Mt 16,19). Gesù fa a Pietro la promessa che la Chiesa rimarrà nel tempo e le forze del male non riusciranno a prevalere su di essa (Mt 16,18). Amiamo il Santo Padre, successore di San Pietro e vicario di Cristo, pregando per lui, manifestando gratitudine per tutto quello che fa per noi guidandoci con il suo magistero sapiente e paterno!
OLTRE IL SEMPRE!
La preghiera di mediazione, chiamata anche “preghiera sacerdotale”, è uno dei testi fondamentali della rivelazione cristiana. È la preghiera più lunga che gli evangelisti hanno messo sulle labbra di Cristo. Queste pagine propongono un commento al capitolo 17 del Vangelo di Giovanni: parole che hanno cambiato la vita di molti uomini e donne, per quelle parole molti hanno ritrovato un senso nella loro vita spesse volte vuota e sciatta, molti altri invece hanno avuto la forza di accogliere la sofferenza che avevano scolpita nel corpo e nell’anima. La vita di moltissimi nostri fratelli, i santi, è la dimostrazione che questa preghiera è stata ascoltata dal Padre.
A me Dio non interessa
Come attirare a Gesù le persone indifferenti. “Mi dici che a te Dio non interessa. E io con umiltà e rispetto, ti dico che a Dio tu interessi molto, la tua vita (che Lui ti ha donato) è preziosa ai suoi occhi, tu sei importante per Lui. Ti invito sottovoce a riaprire l’argomento e il problema “Dio” con la tua coscienza. Penso che nel tempo avrai sorprese belle per la tua vita. Confrontati. Affronta questi argomenti con persone sagge che tu stimi. Dio ti aspetta perché gli interessi”
Alla Superstizione Preferisco Dio
“La superstizione è la deviazione del sentimento religioso e delle pratiche che esso impone. Può anche presentarsi mascherata sotto il culto che rendiamo al vero Dio, per esempio quando si attribuisce un’importanza in qualche misura magica a certe pratiche, peraltro legittime o necessarie. Attribuire alla sola materialità delle preghiere, dei segni sacramentali la loro efficacia prescindendo dalle disposizioni interiori che si richiedono è cadere nella superstizione” (Rev. Sac. Vincenzo Di Simone). Questo libro chiarisce molte idee sbagliate sulla fede in Dio con forme e pratiche che non hanno niente a che fare con la vera fede e che, anzi, sono condannate dalla Chiesa.
La devozione alla Vergine Maria
La Chiesa ci propone Maria come modello, ce la mostra come Madre e ce la indica come strada privilegiata a Gesù, unico mediatore presso il Padre celeste. Per sua stessa intercessione chiediamo a Dio la grazia di avere Maria fissa nel nostro cuore e di vivere la nostra vita cristiana nell’amore per lei. Per mezzo di suo figlio Gesù, Dio ci ha affidati a lei e nello stesso momento ha affidato lei a noi, perché noi lʼaccogliessimo nella profondità di noi stessi. È volontà di Dio quindi, mostrataci da Gesù Cristo, che noi accogliamo Maria nella nostra vita e la eleggiamo per Madre come ce lʼha mostrata lui dalla Santa Croce: «Ecco tua Madre».
I Castighi di Dio
Questo libro vuole essere una trattazione di dottrina fondamentale ed anche dogmatica, con intento divulgativo, circa la retta e cattolica comprensione dei castighi di Dio.
La Divina Presenza nella Santa Messa
Questo libro vuole educare ad un approccio mistico alla Messa, che metta in contatto col Mistero nascosto nella sacramentalità del rito eucaristico. È il compito della mistagogia, con cui il fedele è capace di passare dai segni sacramentali alla conoscenza viva del Mistero di Dio, presente e operante in essi. Il mio augurio è che quanti leggeranno questo libro possano avere un’ intelligenza ed esperienza più profonda circa l’ineffabile mistero presente in ogni Messa: veramente il Signore Dio, Padre, Figlio e Spirito Santo, con tutta la sua Gloria è con noi per rinnovare la sua alleanza con i fedeli e farli crescere in essa fino alla perfezione. L’Autore
Testimoni di Speranza Conquistati da Cristo, per un cristianesimo possibile
Il titolo del presente libro, Testimoni di speranza. Conquistati da Cristo, per un cristianesimo possibile, indica la prospettiva della scrittura e, soprattutto, orienta quella della lettura. Non si tratta, infatti, di un saggio di cristologia, quanto piuttosto di un racconto intriso dell’esperienza di chi scrive, testimone conquistato da Cristo che, per il fascino sperimentato, percepisce l’urgenza di condividerlo con le persone, uomini e donne che incontra sul proprio cammino. (dalla prefazione di Dario Edoardo Viganò, Professore ordinario di Comunicazione e Preside presso la Pontificia Università Lateranense)
Il Vangelo di Maria
Il libro intende approfondire il Mistero di Cristo colto nella prospettiva mariana, così come è scandita nei venti episodi del Nuovo Testamento che compongono le quattro corone del Rosario. L’autore espone le proprie meditazioni personali nella rilettura in chiave attuale dei diversi brani evangelici della Vita, Passione, Morte e Risurrezione di Nostro Signore, basando tuttavia la parte esegetica sulla solida tradizione interpretativa della Chiesa, e riproponendo la tradizionale dottrina cristiana così come vissuta nella propria esperienza di fede.
Caro O.
Questo libretto, frutto di riflessioni di autori vari, si propone di offrire un piccolo aiuto agli omosessuali che sinceramente avvertono il conflitto dell’identità sessuale.
Un abisso d'amore
Già simboleggiata nei testi biblici e poi approfondita dai Santi Padri, dai Dottori della Chiesa e dai grandi mistici medievali, la devozione al Sacratissimo Cuore di Gesù, ha avuto un particolare progresso ed un suo specifico incremento in seguito alle apparizioni di Gesù a Santa Margherita Maria Alacoque, a cominciare dal 27 dicembre 1673. La devozione al Sacro Cuore ha origine nella Sacra Scrittura, in essa infatti si parla del Cuore di Cristo e del suo amore. È lo stesso Gesù che per primo presenta il suo Cuore come centro di ristoro e di pace. Egli dice nel Vangelo di Matteo: “Venite a me, voi tutti, che siete affaticati e oppressi, e io vi ristorerò. Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di Cuore, e troverete ristoro per le vostre anime. Il mio giogo infatti è dolce e il mio carico leggero” (Mt11,28-30). Nel Vangelo di Giovanni si legge, invece, come il Cuore del Cristo morto sulla croce, venne trafitto e come ne sgorgò sangue ed acqua. Il Serafico Padre S. Francesco meditando sulla ferita del Cuore di Cristo “si sentiva preso da un tenero sentimento di compassione che lo trasformava in colui che volle per eccesso di carità essere crocifisso” (S. Bonaventura). Essere devoti del Sacro Cuore allora significa conformarsi all’amore viscerale di Cristo che è morto e ha dato la vita per noi. Scopo di questo breve opuscolo è quello di presentare e riproporre la devozione al Cuore trafitto del Redentore quale «pratica religiosa encomiabilissima».
Lettera di un monaco ad un vescovo
Un anonimo monaco scrive ad un Vescovo in occasione della sua chiamata all’episcopato spiegandogli cosa gli augura per il nuovo cammino, quali sono i suoi “sogni” su un vescovo e come lo vorrebbe.
Nessuno può servire due padroni
Sempre più spesso il desiderio di grandezza, successo e potere spinge l’uomo a un’affannosa ricerca di affermazione terrena e ricchezze materiali, sopraffacendo gli altri e perdendo di vista tutto ciò che è vero nutrimento per lo spirito. Divenuto schiavo del denaro, si ritrova solo, col vuoto nel cuore, senza un sentimento che gli dia pace, gioia, amore. In questo libro c’è un invito a riflettere sul valore della vita, a non lasciarsi abbagliare dalle apparenze, ma ad accogliere il messaggio di Cristo che ci indica il cammino per raggiungere la vera felicità.
Lettera di un Monaco ad un Parroco
Senza alcuna pretesa di farsi maestro, rispondendo a una sua richiesta, un monaco scrive a un parroco: “Mi hai detto che io sono un po’ Mosè che intercede sul monte e tu Giosuè che combatte nella valle e mi hai chiesto se, guardando le cose dall’alto, ho suggerimenti pastorali da offrirti per diventare un parroco felice e fecondo, a gloria di Dio e per il bene della Chiesa e del mondo”.
Eucaristia
Una raccolta di piccole luci sul grandissimo mistero dell’Eucaristia. Gesù Ostia è un torrente infinito di misericordia pronto a salvare il peccatore più incallito, purché pentito.
Quando l'amore dona gioia
L’Amore è il fondamento del nostro rapporto con Dio e con i fratelli: se amiamo, ci avviciniamo a Dio e lo manifestiamo agli altri. In questo libro l’autore ha ricavato dagli episodi del Vangelo e dai discorsi di Cristo quello che dobbiamo osservare per vivere in pienezza la nostra vita e viverla nella grazia. Madre Teresa diceva continuamente alle sue consorelle: “Non cercate di fare grandi cose ma fate piccole cose con grande amore che è unito alla gioia. Infatti, essa è segno di una persona generosa e dimentica di sé e cerca di compiacere a Dio. La grazia è spesso un mantello che nasconde una vita di sacrificio, continua unione con Dio, fervore e generosità. La persona che possiede questo dono della gioia, raggiunge spesso un alto grado di perfezione, perché Dio ama chi dona con gioia”.
Il battesimo dei bambini non nati
"... le anime più semplici possono aiutare questi piccoli e possono batezzarli..."

Cerca nel sito

Catalogo online


SFOGLIA IL CATALOGO GENERALE 2014 ONLINE

Newsletter

Iscriviti!
tua e-mail


Conferma e-mail

Condividi

Facebook

Via E. Fermi, 80/1 - Fraz. Feletto Umberto - 33010 - Tavagnacco (UD) - Tel. 0432 575179 - Fax 0432 688729
Copyright (C) - Tutti i diritti sono riservati - Web design by Nicola Giornetta - www.nicolagiornetta.com