Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.
Facebook Twitter
Santo del giorno: 17 Febbraio - Santi Sette Fondatori dell'Ordine dei Servi della Beata Vergine Maria

ANTEPRIMA "SEGNO"

 
SANTI, GUIDE PER LE ANIME ANCHE DOPO LA MORTE
di don Marcello Stanzione
 
SAN LORENZO DA BRINDISI

Fra Tommaso da Brindisi, laico cappuccino era un uomo timorato di Dio ed assai devoto di Lorenzo da Brindisi, ma, per un certo periodo, fu profondamente angustiato e afflitto dal pensiero di andare all’inferno dopo la morte. Era nel convento di Vicenza, quando gli accadde un fatto singolare, che influì positivamente sulla sua vita spirituale e che gli diede fiducia nella misericordia di Dio.
Molti, provati da mali fisici e spirituali, ricorrevano, nelle loro preghiere, all’intercessione proprio di padre Lorenzo da Brindisi, morto da poco in concetto di santità. Questi, da giovane, era dotato di una memoria straordinaria, aveva studiato a Padova, acquistando una vasta erudizione specialmente linguistica. Conosceva diverse lingue, tra cui il greco e il latino. Ebbe numerosi incarichi di alta responsabilità in seno all’Ordine dei Cappuccini, al quale apparteneva. Predicò in quasi tutta l’Europa, raccogliendo copiosi frutti spirituali. Reggendo una grande croce di legno, animava i soldati e le popolazioni a combattere contro i Turchi. Fu spesso inviato dal papa Paolo V come ambasciatore di pace presso principi e re in discordia. Fu appunto proprio in una di queste missioni di pace che morì a Lisbona, il 22 luglio del 1619.
 
Fra Tommaso l’aveva conosciuto di persona a Vienna e in Baviera e ne aveva ricevuto una forte impressione sia per la sua dinamicità che per la santità di vita che conduceva. Pensò, perciò, di raccomandarsi alle sue preghiere, per essere liberato dal pensiero della dannazione eterna che lo tormentava. Ed ecco che una notte, dopo il mattutino, mentre i confratelli erano ritornati in cella per il consueto riposo, Fra Tommaso pregava con fervore dinanzi al Santissimo Sacramento. Ad un tratto gli apparve padre Lorenzo così come l’aveva visto in vita. Subito lo riconobbe e gettandosi ai suoi piedi gli disse: “Padre mio, padre mio, siete voi in cielo?”. “Sì” rispose il santo. E l’altro: “E di me, che sarà di me che temo sempre di essere dannato?”. “No, no, figliuolo mio – ripigliò padre Lorenzo da Brindisi, e glielo ripeté tre volte, posandogli la mano sul capo – no, non temete sì grande sciagura!”. Dopo queste parole disparve, lasciando il religioso in tanta pace e serenità quale non l’aveva mai provata sino a quel momento.
Il frate Francesco Filippo di Custodia che in diverse occasioni aveva accompagnato s. Lorenzo da Brindisi, fu assalito da una febbre maligna, a cui si accompagnò una sete violenta e continua, che nulla poteva estinguere. Ardente di febbre, egli si rivolse a s. Lorenzo ed esclamò: “Ricordati, caro padre, che ti ho servito in tutte le tue necessità, con tutto lo zelo possibile. Oh, ti supplico, getta su di me uno sguardo pietoso dal cielo, dove certamente ti trovi, e lasciati commuovere dalla mia triste situazione! Per l’amore che hai portato alla beata Vergine ottienimi la grazia di esser liberato da questa sete crudele e da questa febbre bruciante, se lo vuoi”. Un attimo dopo scorse la Vergine benedetta, accompagnata da molte altre vergini bianco vestite e da s. Lorenzo, tutti con coppe di cristallo in mano. Lorenzo da Brindisi gli si avvicinò, gli accostò alle labbra la coppa piena di liquido luminoso e disse:Bevi, figlio mio!”. Lo stesso fece Maria. La bevanda celeste non solo estinse immediatamente la sua sete, ma gli ridiede la salute; così che, col cuore pieno di gioia e gratitudine, due giorni dopo si mise in viaggio, a piedi, per Padova.
 
Continua con le incredibili storie di san Vincenzo Pallotti, san Filippo Neri, san Crispino da Viterbo, san Luigi Gonzaga e i venerabili padre Libermann e Agnese Steiner su IL SEGNO DEL SOPRANNATURALE N. 380 – febbraio 2020

Logo Edizioni Segno

EDIZIONI SEGNO - Via E. Fermi, 80/1 - Fraz. Feletto Umberto - 33010 - Tavagnacco (UD) Tel. 0432 575179 - Fax 0432 688729 - P.IVA 02485510305

Copyright © 2020 - Tutti i diritti sono riservati - Web design by nicolagiornetta.com

Condizioni di vendita - Informativa sulla privacy